Un nostro lettore ci ha richiesto qualche chiarimento in merito alle norme sulla sicurezza delle scale condominiali, ne approfitto per cominciare a trattare un po l’argomento.

Le scale del nostro condominio sono costruite a regola d’arte?? sono sicure?? vediamo di chiarire qualche obbligo dei costruttori.

Le rampe di scale che costituiscano parte comune o siano di uso pubblico devono avere larghezza minima 120 cm. ed avere una pendenza limitata e costante per l’intero sviluppo della scala.
Il rapporto tra alzata e pedata deve essere regolato dalla formula 2a+p=62-64 cm. con pedata minimo 30 cm.
Un segnale sul pavimento (percepibile anche dai non vedenti) situato a 30 cm. dal primo e dall’ultimo gradino deve indicare l’inizio e la fine della rampa.
Il parapetto deve essere alto 100 cm. ed inattraversabile da una sfera di 10 cm.
Il corrimano, in corrispondenza delle interruzioni deve essere prolungato di 30 cm. oltre il primo e l’ultimo gradino.
Il corrimano deve essere posto ad un’altezza compresa tra 0,90 e 1 m. e deve essere distante dalla parete almeno 4 cm.
Un eventuale secondo corrimano deve essere posto a 75 cm. di altezza.
Le rampe di scale che non costituiscono parte comune o non sono di uso pubblico devono avere larghezza minima 80 cm. e deve essere comunque rispettato il rapporto tra alzata e pedata dato dalla formula 2a+p=62-64 cm. con pedata minimo 25 cm. e parapetto alto almeno 1 m.

Rampe

Mediante rampe in successione non può essere superato un dislivello superiore a 3,20 m.
La larghezza minima di una rampa deve essere 0,90 cm. per consentire il transito di una sedia a ruote; 1,50 m. per consentire l’incrocio di due persone.

La norma stabilisce che non possano essere lasciati senza ringhiera e corrimano piu di 2 gradini percio’ se avete almeno 3 gradini senza ringhiera …… chiamate l’amministratore!!

Illuminazione:

sto cercando qualche dettaglio normativo ma mi sembra evidente che debbano essere ben illuminati i gradini e non accecati gli utenti, in svizzera ci sono norme precise sull’angolazione delle luci, in Italia …… sto ancora cercando qualcosa, vi faro’ sapere.

Per il momento è tutto, aspetto materiale.

6 Risposte

  1. LUCA LEPORATI

    gentilissimi,
    esiste una normativa per le scale interne di un condominio che escluda la presenza di corrimano e/o ringhiere?
    oppure corrimano e/o ringhiere sono obbligatorie in tutti i casi?
    la scala alla quale mi riferisco è una scala in un palazzina non molto alta, ma con 7 pianerottoli con l’ascensore interno alla tromba delle scale
    grazie

    • Alberto Baistrocchi

      Si, il corrimano su una scala condominiale è obbligatorio. In pratica se esistono spazi vuoti è obbligatoria la ringhiera a norma ecc. ma se come nel tuo caso all’interno della scala c’è il vano ascensore, è necessario solo il corrimano. Nel dettaglio il D.M. 236/89 non prevede specificatamente il numero di corrimano presenti in una scala condominiale. Infatti l’art. 8 di detto decreto specifica che: Il corrimano deve essere posto ad una altezza compresa tra 0,90/1 metro. Nel caso in cui sia opportuno prevedere un secondo corrimano (con accordo di tutti i condomini), questo deve essere posto ad una altezza di 0,75 m e distante distante dalla parete, sul quale viene attaccato, almeno 4 cm. In pratica si tratta di opportunità e non di obbligo del secondo corrimano. Resta inteso che un corrimano è obbligatorio proprio per la legge sulle barriere architettoniche.

  2. elisa

    gentilmente,
    in caso di scala condominiale a chiocciola ci sono dei requisiti particolari sulle dimensioni degli “spicchi” dei gradini? bisogna mettere anche un corrimano interno per favorire il passaggio di due persone?
    inoltre, dopo ogni quanti gradini è necessario fare un pianerottolo? Il nostro condominio ha una scala esterna coperta a chiocciola in ferro per i primi due piani e poi prosegue internamente con scale regolari (non a chiocciola)

    grazie mille!!

    elisa

  3. GIOVANNI MORONI

    Ho acquistato in una nuova palazzina di 3 piani un appartamento: la palazzina è classificata in classe B: ho osservato che i gradini delle scale interne sono in marmo lucido, non vi è nessun elemento anti sdrucciolo, come pure nessun indicazione per scarso vedenti: vi sono delle specifiche normative a cui si deve attenere il costruttore??
    Grazie per una esauriente risposta.
    Giovanni Moroni

  4. Max

    qualcuno sa indicarmi la norma per cui “non possano essere lasciati senza ringhiera e corrimano piu di 2 gradini”?
    Grazie

  5. Roby

    sono caduta scendendo l’ultimo gradino di una scalinata condominiale. Il corrimano finiva al penultimo gradino così che probabilmente ho inconsciamente pensato fosse finita anche la scalinata. E’ regolare che il corrimano cominci al secondo gradino della scalinata (se intesa da salire) e dunque il penultimo (se intesa da scendere)?